Comunicato stampa

Storica fotografia della Prima Presidenza e del Quorum dei Dodici Apostoli a Roma

Sullo sfondo le statue del Christus e degli apostoli originali

Durante i tre giorni di dedicazione del Tempio di Roma della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli ultimi giorni, tutti i membri della Prima Presidenza e del Quorum dei Dodici Apostoli (15 in tutto), lunedì si sono riuniti per una storica foto di gruppo. Si ritiene che questi quattro giorni a Roma rappresentino la prima volta nella storia della Chiesa in cui tutti e quindici i dirigenti generali si sono riuniti in una località al di fuori degli Stati Uniti, e che queste siano le prime foto di gruppo scattate negli ultimi vent’anni.

           

La Prima Presidenza è composta dal presidente Russell M. Nelson e dai suoi due consiglieri nella Prima Presidenza, il presidente Dallin H. Oaks e il presidente Henry B. Eyring. I membri del Quorum dei Dodici Apostoli sono: il presidente M. Russell Ballard, l’anziano Jeffrey R. Holland, l’anziano Dieter F. Uchtdorf, l’anziano David A. Bednar, l’anziano Quentin L. Cook, l’anziano D. Todd Christofferson, l’anziano Neil L. Andersen, l’anziano Ronald A. Rasband, l’anziano Gary E. Stevenson, l’anziano Dale G. Renlund, l’anziano Gerrit W. Gong e l’anziano Ulisses Soares.

 

Amo questi fratelli con cui sono chiamato a servire”, ha detto l’anziano David A. Bednar. “Ogni settimana stiamo insieme nel Tempio di Salt Lake e in molte altre occasioni, ma oggi essere qui a Roma per questa dedicazione è un’esperienza unica nella vita che ricorderò per sempre”.

L’anziano Neil L. Andersen ha parlato del presidente Nelson. “Non potrebbe esserci uomo più gentile, premuroso e tenero. È un momento magnifico nella storia della Chiesa perché abbiamo un uomo che ha novantaquattro anni, una mente capace e tanti bellissimi doni spirituali. È come se avesse un piede in un altro mondo e un piede in questo”.

Dopo la quarta cerimonia di dedicazione, il presidente Nelson e il presidente Ballard hanno incontrato i giornalisti della Chiesa. Quando gli è stato chiesto riguardo all’opportunità di avere per la dedicazione del tempio la presenza della Prima Presidenza e del Quorum dei Dodici Apostoli al completo, il presidente Nelson ha affermato: “Ritengo che il Signore sia compiaciuto. Voleva che fosse fatto così. Sarà una benedizione per le persone in ogni dove perché ora i Suoi apostoli andranno in tutto il mondo e racconteranno le esperienze vissute qui mentre veniva dedicata questa santa casa”.

Il presidente Nelson ha aggiunto: “Si tratta di un momento fondamentale nella storia della Chiesa. Le cose procedono a un passo accelerato, e tutto questo ne fa parte. Pensiamo che la Chiesa sia una chiesa antica. Ha 189 anni. Siamo solo agli inizi. Basti pensare a ciò che accadrà prossimamente e che la Chiesa avrà un futuro senza precedenti; senza paragoni. Stiamo costruendo su ciò che ci aspetta d’ora innanzi”.

Durante il soggiorno romano, dopo aver rivisto amici di vecchia data, tanti ricordi sono tornati alla mente del presidente Nelson. “Pensate alle lacrime di gioia quando si possono riabbracciare persone che si conoscono da trent’anni e che si rivedono al massimo una volta ogni dieci anni. Queste sono le cose che portiamo a casa con noi. Queste sono persone preziose, davvero preziose”.

Riflettendo sul fatto di essere stato seduto davanti alle varie congregazioni che si sono susseguite nelle sessioni dedicatorie, e osservando i Santi degli Ultimi Giorni nella sala celeste, il presidente Ballard ha detto: “Vediamo le lacrime. Vediamo l’emozione. Vediamo che cosa significa per loro. Abbiamo il vantaggio di poterli vedere mentre si godono l’esperienza della dedicazione. È formidabile. È stato meraviglioso”.

Si sono tenute cinque sessioni dedicatorie, le ultime due programmate per martedì 12 marzo 2019. 

Ulteriori risorse

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.