Comunicati stampa

Riunirsi per una causa comune: giovani di sei diverse fedi religiose pregano e servono insieme

Grace Nielson e Brett Peterson lavorano per togliere le erbacce dall’argine del fiume Jordan nel corso del progetto di pulizia che ha riunito l’11 giugno centinaia di giovani di varie fedi religiose nell’area di Salt Lake.

Riunendosi nella cattedrale cattolica della Maddalena a Salt Lake City per una funzione religiosa, il solo pensiero del raduno di Santi degli Ultimi Giorni, Cattolici, Ebrei, Hindu, Mussulmani e Greco-ortodossi poteva sembrare una cosa miracolosa.

«Dio vive e ogni giorno accadono dei miracoli. Non è un miracolo piccolo il fatto che un rappresentante della comunità ebraica abbia parlato in una cattedrale cattolica per presentare un imam mussulmano. È una dimostrazione che il mondo sta veramente cambiando in meglio», ha detto Alan Bachman, il rappresentante ebraico del comitato di programmazione.

Parlando ai giovani riuniti, l’Imam Muhammad Shoayb Mehtar della moschea di Khadeeja nella West Valley ha lanciato una sfida:

«Nel guardarvi, non pensate: “Quella persona è nera o quella persona è bianca? Quella persona è un ebreo, un mussulmano o quella persona è un cristiano?” Chiedetevi piuttosto, quando guardate gli altri: “Dove sono i nostri simili?»”

Sebbene ogni fede abbia credenze uniche su Dio, i giovani si sono riuniti per una caratteristica comune importante: prendersi cura dell’ambiente.

Sfidando la pioggia, il gruppo ha passato alcune ore a togliere le erbacce e a piantare piccole piante lungo la Jordan River Parkway. Il servizio si è concluso all’International Peace Garden, dove è stato piantato un albero con i nomi delle diverse fedi religiose che vi hanno preso parte.

Segnali del successo dell’avvenimento erano visibili prima della fine della serata quando, nel corso di una cena dove erano state osservate le restrizioni alimentari di ciascuna fede, erano evidenti una ritrovata accettazione e comprensione delle convinzioni degli altri.

«A causa di tutte le restrizioni alimentari, l’unica cosa che non andava contro le limitazioni di nessuno è stato un pasto a base di tramezzini al tonno e con burro di arachidi e marmellata. Eppure, nello spirito del servizio, quel semplice pasto non ha infastidito i giovani», ha detto Allyson Chard, una delle principali organizzatrici dell’avvenimento proveniente dal palo di Salt Lake Holladay South.

Mike Bourne, presidente del Salt Lake Holladay South Stake, ha detto che i giovani membri della Chiesa hanno tratto i maggiori benefici da questa attività tra fedi diverse:

«La maggior parte dei ragazzi di questo palo a un certo momento vivranno fuori da Salt Lake City e faranno parte di una minoranza religiosa. Essendo membri attivi della Chiesa, saranno dirigenti migliori e comprendendo la diversità, si troveranno più a proprio agio pur essendo una minoranza quando lasceranno la Valle del Lago Salato.»

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.