La nuova crisi: “Forse possiamo aiutare”

Secondo il rapporto annuale 2017, dal 1985 LDS Charities ha aiutato rifugiati in 119 paesi e territori, e ha completato 378 progetti in 49 paesi solo nel 2017.

Articolo

La nuova crisi: “Forse possiamo aiutare”

                                                                                                                                     

ROMA, Italia – Gli audaci tratti della matita di Fasasi Abeedeen testimoniano la storia del suo precario viaggio attraverso il Mar Mediterraneo.

Un bambino che grida viene passato da un adulto all'altro e portato in sicurezza. Un ragazzo, che lotta in un mare logorante, sta ansimando. Il corpo senza vita di una donna viene sollevato dall'acqua.

Indossando blue jeans e una maglietta verde decorata con la denominazione che riflette questo luogo — Casa Scalabrini — Abeedeen mostra i suoi bozzetti a Tom e Anita Herway, missionari per LDS Charities, che da un anno sono a Roma per aiutare i rifugiati. Abeedeen sa di essere fortunato nel trovarsi qui, con la possibilità di creare la sua arte all’ombra di un patio esterno.

Nel 2015, Abeedeen è fuggito dalla Nigeria, dove aveva appena completato la formazione come scultore. Uno scandalo elettorale politico lo ha costretto ad andar via dalla sua terra natale.

"Sono stato costretto a partire per sopravvivere", ha detto. "Non sapevo nemmeno dove stavo andando".

Viaggiando attraverso la Libia, ha trovato un posto su una delle due imbarcazioni che avrebbero trasportato passeggeri attraverso il Mar Mediterraneo. Ma una barca si è rovesciata, lasciando il viaggio impresso non solo nel suo quaderno degli schizzi, ma anche nella sua mente.

Pulito e rasato, Abeedeen non assomiglia alle persone nei suoi schizzi. Ora è tra i pochi fortunati che hanno trovato rifugio e inclusione presso l'Ordine della Chiesa Cattolica di Casa Scalabrini a Roma. Il programma e l’alloggio supportano ogni anno 30 rifugiati — alcuni cristiani, altri musulmani — nel loro percorso verso l'autosufficienza. Con un tutoraggio individuale, gli ospiti trovano lavoro, amici e comunità.

                                                                                                                                        

“Il vero problema diventerà l'integrazione delle persone che si trovano proprio qui in questa società, in modo che possano dire: 'Appartengo a questa società’”, ha affermato il direttore generale Goacchino Campese.

È un programma che LDS Charities vuole sostenere, riferisce la sorella Herway, spiegando che la Chiesa ha già completato un progetto con Casa Scalabrini e ne sta attualmente completando un secondo. “Quando se ne vanno sono totalmente autosufficienti”.

Un posto dove andare

Secondo il rapporto annuale 2017, dal 1985 LDS Charities ha aiutato rifugiati in 119 paesi e territori, e ha completato 378 progetti in 49 paesi solo nel 2017.

Il lavoro fa parte di un programma molto più ampio per aiutare i figli di Dio in tutto il mondo. Nel 2017, LDS Charities ha lavorato in 139 paesi e territori su 2.705 progetti con oltre 1.800 partner per aiutare milioni di persone, secondo la relazione annuale 2017.

I missionari di LDS Charities a Roma — e altre coppie come loro in Sicilia e in Grecia — stanno rispondendo a una crisi dei rifugiati in evoluzione, in cui un numero minore di rifugiati sta entrando in queste aree, e invece rimane più a lungo in Libia e in altre nazioni africane, ha affermato l’anziano Herway. Molti tra coloro che entrano in Italia non hanno lo status di rifugiato ufficiale o un permesso legale per accedere ai servizi nel paese.

Il campo profughi Baobab, situato a sud-est di Roma a circa 30 minuti da Casa Scalabrini, aiuta questi profughi meno fortunati.

Il "campo organizzato in modo informale ma molto efficace" comprende oltre 130 uomini e una manciata di donne e bambini che vivono in oltre 100 tende o rifugi.

                  

“Ogni volta che prego, chiedo una vita migliore”, ha affermato Jaita. “Questa vita è difficile. Voglio un posto dove dormire, un posto dove andare”.

Andrea Costa, che ha trascorso le sue giornate al servizio dei rifugiati nel campo negli ultimi tre anni, ha detto che i volontari hanno dovuto imparare a conoscere la crisi dei rifugiati, cosa comporta e come aiutarli meglio. Ammette che prima di iniziare a lavorare nel campo, nella primavera del 2015, non sapeva nulla di migrazione. Ora si impegna ad ascoltare tutti quelli che incontra.

“Cosa affrontano: l'incognita del futuro. Non sanno dove saranno domani. Sanno che hanno un obiettivo, ma non sanno se lo raggiungeranno mai. Sono molto, molto stanchi”.

Immagina il campo Baobab — a cui LDS Charities ha donato tende per i pasti di grandi dimensioni e altro materiale — come un luogo per un “tranquillo pit stop”, dove le persone possono riposare, fare rifornimento e decidere la loro prossima mossa.

I giovani adulti non sposati della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni portano la cena agli ospiti del campo una volta al mese. Altri membri hanno trovato modi diversi per rendersi utili nel campo.

Un modo in cui LDS Charities ha sostenuto questo campo e altri simili è attraverso una partnership con MEDU, un'unità medica mobile. Poiché i rifugiati a Roma hanno uno scarso o addirittura nessun accesso alle cure mediche o ai farmaci, è necessario portare loro una clinica mobile nei campi, ha riferito Anita Carriero, coordinatrice del progetto MEDU a Roma.

“Molte volte non sanno di avere diritto all’assistenza sanitaria”, ha detto, spiegando che dispongono di mediatori culturali che possono informare i rifugiati delle possibilità.

Mulu Gheta, ad esempio, è a Roma da 15 anni e tre mesi. Parla con un ragazzo di 16 anni e lo incoraggia a condividere la sua storia “così non dimenticherà”.

                                                                                                                                        

Il ragazzo ha un’infezione batterica alla gamba, probabilmente causata da più di due mesi senza doccia; la ferita viene pulita e fasciata da uno dei medici volontari di MEDU.

Il potere delle partnership

Poiché la Chiesa non può fornire servizi a tutti i rifugiati, l’anziano e la sorella Herway affermano di collaborare con molte organizzazioni, tra cui la Croce Rossa, Intersos e il Centro per i rifugiati di Joel Nafuma, per realizzare collettivamente ciò che non può essere fatto in autonomia.

Intersos, che mostra in modo visibile il logo di LDS Charities sui propri furgoni, è un’organizzazione che viaggia verso campi profughi e raccoglie popolazioni a rischio — donne, bambini e giovani adolescenti — e le porta nelle loro unità abitative di transizione. Mentre soggiornano nell’alloggio di transizione, i rifugiati possono farsi la doccia, ottenere pasti caldi e avere tempo a disposizione per meditare sui loro obiettivi e sulla prossima mossa. A volte i professionisti li aiutano con i documenti legali e i ricorsi.

                                                                                                 

Valentina Murino, direttrice di Intersos per l’Italia, ha affermato che il sostegno di LDS Charities è stato determinante per l’apertura del complesso a Roma.

Ciò si avverte anche nel campo della Croce Rossa a Roma, dove stanno utilizzando rifugi costruiti in collaborazione con IKEA e LDS Charities. Il campus “Better Shelters” è stato particolarmente utile quest’inverno quando è caduta la neve a Roma.

Gaia Rovelli, che lavora con la Croce Rossa a Roma, ha detto che quando LDS Charities e la Croce Rossa — che condividono una “partnership duratura” — stavano immaginando il progetto “hanno davvero cercato di mettersi nei loro panni [dei rifugiati]”.

Osservando l’enorme crisi dei rifugiati, “è spesso difficile porre l’attenzione sui bisogni dell'individuo”, ha affermato.

“Ci sentiamo come se stessimo offrendo speranza alle persone”, ha aggiunto la sorella Herway. “Siamo lì per dire: ‘Forse possiamo aiutare’”.

I volontari del Centro per i rifugiati Joel Nafuma si concentrano anche sul rispetto e l’empatia quando forniscono servizi alla comunità di rifugiati, ha affermato Drew Dilts, un coordinatore volontario che collabora con l’organizzazione.

                     

Da dieci anni il centro è un luogo sicuro in cui le persone possono venire, ottenere cibo e trovare accoglienza; nessuno chiede una carta d’identità quando i visitatori arrivano nel centro.

“Vengono e caricano i loro telefoni”. È un luogo dal quale “non vengono allontanati”.

Nel corso degli anni, molti ospiti hanno chiesto: “Perché non potete tenere aperto più a lungo?”, ha affermato Dilts.“ C’è una mancanza di risorse”.

Perciò la Chiesa e i membri locali si stanno facendo avanti per aiutare.

A partire da questo mese, i membri della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni a Roma sponsorizzeranno un “Friendship Center” [centro dell'amicizia] pomeridiano, in cui i membri terranno lezioni ogni giorno dalle 14:30 alle 18:00 su argomenti come abilità linguistiche, formazione professionale e assistenza sanitaria. L’obiettivo è trovare il modo di aiutare i rifugiati promuovendo l’autosufficienza, ha affermato l'anziano Herway.

Dilts ha detto che quando ha iniziato a lavorare al centro, pensava che la gente sarebbe venuta per trovare cibo o lavoro. Da allora ha imparato che vogliono qualcos’altro. Vengono a cercare “tranquillità” e “rispetto”, ha detto.

Opera d’arte di un rifugiato

Questo è esattamente ciò che Fasasi Abeedeen sta cercando di comunicare con la sua opera d’arte. I suoi bozzetti — che utilizza come guida per creare bellissime sculture — sono stati recentemente esposti con il titolo “Il mio viaggio”.

Abeedeen, che ha studiato arte presso istituti avanzati in Nigeria, ha semplicemente avuto l’opportunità di rimettersi in piedi e ricominciare daccapo dopo essere arrivato in Italia. Ma, si lamenta, molti non ottengono mai i servizi che ha ricevuto lui.

                   

“Sarò molto felice se avrò l’opportunità di insegnare”, ha detto. “Alcune persone potrebbero non sapere di avere il talento”.

Vuole anche continuare a esplorare i sentimenti che sono dentro di lui e “tirarli fuori”.

Quei sentimenti, ha detto, continuano ad evolversi.

La sua prima mostra d’arte a Roma è stata intitolata “Il mio viaggio”.

Ora, tuttavia, è attratto dalla condivisione della situazione di altre popolazioni emarginate a Roma, come i senzatetto.

Una volta completata, quella mostra sarà intitolata “Speranza”.

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.