Comunicato stampa

La Chiesa invitata all’insediamento del Presidente Mattarella

Assoluta neutralità politica. Questa è la posizione della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni sull’argomento. Neutralità, però, non significa indifferenza, distacco o disinteresse. Significa che la Chiesa non parteggia per nessuna parte politica e non si intromette nella sfera delle decisioni ad essa pertinenti.

La politica è certamente una parte importante, fondamentale, della vita delle persone e dei Paesi.

«NOI crediamo che i governi furono istituiti da Dio per il beneficio dell'uomo, e che egli considera gli uomini responsabili dei loro atti relativi ad essi, sia nel fare le leggi che nell'amministrarle per il bene e la sicurezza della società.» (Dottrina e Alleanze 134: 1)

È con questo profondo rispetto per gli «uomini [donne] responsabili» della gestione della “cosa pubblica” che la Chiesa di Gesù Cristo esprime al neo eletto presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, le più sentite congratulazioni per tale ruolo di grande responsabilità e di garante delle istituzioni e del diritto.

Ed è proprio nell’ottica del reciproco riconoscimento delle caratteristiche specificità e ruoli che il presidente Mattarella ha invitato l’anziano Massimo De Feo, Settanta dell’Area Europea – la massima autorità della Chiesa in Italia – a rappresentare la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni alla cerimonia del suo insediamento.

 

Per leggere Una dichiarazione di fede riguardante i governi e le leggi in generale

 

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.