Argomento

Joseph Smith e la Restaurazione

Joseph Smith jr nacque il 23 dicembre 1805 a Sharon, Vermont, da Joseph e Lucy Mack Smith. Nato in una famiglia povera, era il quinto di 11 figli — nove dei quali sopravvissero l’infanzia. Poiché la sua famiglia non poteva permettersi il lusso di un’istruzione pubblica, Joseph ricevette solo tre anni di formazione scolastica. Assieme ai suoi fratelli e sorelle, fu istruito principalmente a casa dalla Bibbia di famiglia.

Mentre era confuso riguardo alla religione, durante un periodo di intensa agitazione religiosa nello stato di New York, dove viveva nel 1820, il quattordicenne Joseph lesse un passo nel Nuovo Testamento che, come scrisse più avanti, parlò al profondo della sua anima. Era un ammonimento che invitava coloro che mancavano di sapienzaa cercarla in una fonte divina. La reazione di Joseph a questo versetto fu di trovare un luogo di solitudine in un bosco vicino casa e di pregare ad alta voce per la prima volta nella sua vita.

Ciò che ne seguì cambiò per sempre Joseph Smith e diventò la dottrina centrale del credo dei Santi degli Ultimi Giorni. Joseph racconta che Dio Padre e Gesù Cristo gli apparvero. “Vidi esattamente sopra la mia testa una colonna di luce più brillante del sole, che discese gradualmente fino a che cadde su di me”. In quella luce egli vide due personaggi, uno dei quali gli parlò chiamandolo per nome e disse indicando l’altro: “Questo è il mio Figlio diletto. Ascoltalo!” I membri della Chiesa chiamano questo avvenimento la “Prima Visione”. Essa ha dato inizio all’opera di restaurazione della Chiesa di Gesù Cristo sulla terra.

Joseph Smith è forse meglio conosciuto per la sua traduzione del Libro di Mormon: un altro testamento di Gesù Cristo. I membri della Chiesa credono che, alcuni anni dopo la sua Prima Visione, Joseph fu guidato su una collina nei pressi di Palmyra, New York, dove ricevette degli antichi annali da un angelo, il cui nome era Moroni. Gli annali, incisi su tavole di metallo, raccontavano la storia di un popolo che viveva nel continente americano ai tempi di Cristo, e riferiva dell’apparizione del Cristo risorto a questo popolo. Joseph tradusse gli annali in circa tre mesi, e il risultante Libro di Mormon fu pubblicato per la prima volta a New York nel 1830. Un volume di oltre 500 pagine, il Libro di Mormon è uno dei grandi contributi di Joseph Smith e un libro di Scritture fondamentale della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni.

I Santi degli Ultimi Giorni credono che l’autorità divina della chiesa antica andò perduta dopo la morte degli apostoli e c’era bisogno di una restaurazione tramite un intervento divino. La restaurazione dell’autorità del sacerdozio tramite Joseph Smith, nella prima metà del XIX secolo, fu un fatto reale avvenuto tramite visite angeliche da parte di coloro che detenevano l’autorità nei tempi antichi. 

Joseph Smith e cinque suoi compagni, con la partecipazione di altri individui, organizzarono formalmente la Chiesa in una casa di tronchi a Fayette, New York, il 6 aprile 1830. Joseph Smith presiedette alla Chiesa fino al 27 giugno 1844, giorno del suo martirio. Sotto la sua dirigenza, il numero dei membri della Chiesa crebbe da pochi individui a oltre 26.000.

Le rivelazioni di Joseph Smith introdussero innovazioni e sfide teologiche impressionanti per le chiese di quel tempo. Egli fu fermo nel difendere la libertà di religione delle persone di tutte le fedi. Le sue rivelazioni introdussero concetti come templi, dove poteva essere svolto il lavoro di salvezza per i defunti, la comprensione di tre gradi o livelli di cielo e il destino finale dei figli fedeli di Dio nella vita a venire. La sua esperienza con la Prima Visione portò alla comprensione della natura fisica di Dio e Gesù Cristo e che l’umanità è stata creata a loro immagine. Egli parlò e scrisse frequentemente riguardo al raduno di Israele negli ultimi giorni, e lo insegnò non solo in termini di raduno degli ebrei in Israele, ma anche di raduno di tutto il popolo di Dio in luoghi di rifugio e santità. Vedere anche: Perché e in che modo i Mormoni sono diversi?

Fuori dalla Chiesa, Joseph Smith è anche conosciuto per l’introduzione dell’antica pratica della poligamia tramite rivelazione, sebbene questa pratica non sia più in uso nella Chiesa e non venga menzionata spesso dai membri della Chiesa, eccetto che in un contesto storico.

Negli anni in cui guidò la giovane Chiesa, Joseph organizzò un programma missionario internazionale e fondò quella che oggi è la più grande organizzazione femminile al mondo. Supervisionò la costruzione di tre città e diresse la costruzione di due templi, resistendo nel contempo a intense persecuzioni da parte di plebaglie locali, le quali infine scacciarono i membri della Chiesa dalle tre città che Joseph aveva stabilito.

Poiché i diritti civili e religiosi dei membri della Chiesa in quanto cittadini americani erano stati negati loro nonostante i ripetuti appelli al governo federale, i dirigenti della Chiesa annunciarono la candidatura di Joseph Smith a presidente degli Stati Uniti, nel gennaio 1844. A maggio, Joseph era stato ufficialmente nominato da un congresso tenuto a Nauvoo, Illinois. La sua piattaforma politica fece appello al governo di intervenire in favore dei diritti civili e religiosi contro la persecuzione. Joseph e suo fratello furono uccisi da una plebaglia nel giugno di quello stesso anno, mettendo fine alla candidatura politica di Joseph.

Joseph e suo fratello maggiore Hyrum furono uccisi a colpi di arma da fuoco il 27 giugno 1844 da una plebaglia di circa 150-200 uomini. I fratelli e altri compagni più stretti erano stati imprigionati in un carcere dell’Illinois sulla base di false accuse dopo essersi arresi spontaneamente alle autorità. Joseph aveva 38 anni; Hyrum 44. I corpi di Joseph e Hyrum furono preparati ed esposti per essere visti da circa 10.000 confratelli commossi il 28 giugno e, il giorno seguente, furono seppelliti segretamente per evitare ulteriori attacchi o profanazioni da parte della plebaglia.

La Chiesa che Joseph stabilì nel 1830 è oggi una religione globale che annovera oltre 14 milioni di membri e Joseph Smith stesso è considerato dai Santi degli Ultimi Giorni il profeta più importante dei tempi moderni. Contrariamente a quanto affermano alcuni oppositori della Chiesa, Joseph non viene adorato dai membri della Chiesa. Egli è onorato come profeta, ma era pur sempre un uomo con i difetti e le debolezze comuni a ogni altro uomo.

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.