Argomento

Dottrine fondamentali: perché e in che modo i Mormoni sono diversi?

Ai rappresentanti della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni spesso viene chiesto se col tempo la Chiesa stia diventando più “normale”.

Se col termine “normale” si intende che i Santi degli Ultimi Giorni vengono visti sempre più come parte attiva e importante della società — soprattutto negli Stati Uniti, dove ora raggiungono i sei milioni — allora, naturalmente, la risposta è “sì”. La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, fondata nello Stato di New York nel 1830 con solo sei membri, è oggi la quarta chiesa degli Stati Uniti, secondo ricerche effettuate da organizzazioni indipendenti.

Ne consegue che i suoi fedeli si trovano a tutti i livelli della società — nel mondo degli affari e nell’agricoltura, nell’istruzione e nelle scienze, nella politica e nel governo, nell’industria del divertimento e nei mass media. Infatti, è più probabile conoscere singoli membri della Chiesa come amici, vicini e colleghi piuttosto che la Chiesa come istituzione o i suoi insegnamenti. Questo è vero anche in molte altre nazioni fuori degli Stati Uniti.

Ma se con “normale” si intende che la Chiesa deve rinunciare a ciò in cui crede, a ciò che è il cuore del suo messaggio, allora la risposta è diversa. Pur rispettando i divergenti punti di vista delle altre fedi, i dirigenti della Chiesa vogliono essere chiari sui principi di fede che distinguono i Santi degli Ultimi Giorni.

Di seguito riportiamo alcune delle differenze più importanti nel credo e nelle pratiche della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni rispetto alle altre fedi cristiane.

Restaurazione

Poiché i Santi degli Ultimi Giorni credono che la divina autorità apostolica andò perduta dopo la morte degli antichi apostoli, credono anche che fu necessaria una restaurazione di quell’autorità. I membri della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni credono che la restaurazione ebbe inizio nei primi anni del 1800 con le rivelazioni al giovane Joseph Smith.

Trinità

Tra le differenze più importanti con le altre chiese cristiane, ci sono quelle che riguardano la concezione della natura di Dio, di Gesù Cristo e dello Spirito Santo. Insieme Essi formano quella che viene comunemente chiamata la Santa Trinità da molte Chiese, o Divinità dai Santi degli Ultimi Giorni.

Profeti moderni, rivelazione continua e nuove Scritture

I Santi degli Ultimi Giorni credono che Dio parli ancora all’umanità, che Egli chiami nuovi apostoli e profeti e che la rivelazione esista oggi come nei tempi antichi. Inoltre, molte di queste rivelazioni sono state incluse formalmente in nuovi volumi di Scritture, che comprendono il Libro di Mormon: un altro testamento di Gesù Cristo; Dottrina e Alleanze, una raccolta di rivelazioni date a Joseph Smith e a successivi presidenti della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni; e Perla di Gran Prezzo, che contiene scritti di Mosè e Abrahamo, come pure scritti moderni di Joseph Smith.

Piano di salvezza

La teologia dei Santi degli Ultimi Giorni comprende quello che i Mormoni chiamano “piano di salvezza”, che concerne lo stato pre-mortale dell’umanità, il motivo per cui Dio creò il mondo, la natura e lo scopo della vita sulla terra e cosa ci aspetta nella vita futura.

I templi e il loro scopo

Lo scopo principale del lavoro nel tempio è di “suggellare”, ossia unire, le famiglie con la prospettiva che queste relazioni continuino dopo la morte. Le stesse cerimonie del tempio possono essere celebrate per coloro che sono morti. Non c’è nulla, nelle altre chiese cristiane, che assomigli a ciò che viene svolto nei templi.

Programma missionario

Su questo soggetto c’è una differenza nella pratica piuttosto che nella dottrina, dato che molte chiese cristiane inviano missionari a predicare il Vangelo. Tuttavia, il programma missionario della Chiesa si distingue ed è riconoscibile per il numero e la distribuzione dei missionari, per la durata e la varietà del loro servizio, per il loro abbigliamento e perché predicano un vangelo restaurato.

Ministri laici

La Chiesa di Gesù Cristo non ha un clero di professionisti a tempo pieno presso le congregazioni. Persino ai livelli più alti della Chiesa, i dirigenti che sono chiamati a servire come apostoli a tempo pieno lasciano le loro più remunerative professioni per adempiere una chiamata che dura tutta la vita come “testimoni speciali di Gesù Cristo” e per guidare la Chiesa a livello mondiale.

Salute fisica

Tra le varie fedi religiose, l’astinenza dalle bevande alcoliche non è prerogativa dei Santi degli Ultimi Giorni. Tuttavia, tra i Santi degli Ultimi Giorni ci si aspetta che l’astinenza dall’alcol, come pure da tabacco, tè e caffè, sia totale.

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.