Comunicato stampa

Dieter F. Uchtdorf della Prima Presidenza della Chiesa racconta il calvario della sua infanzia come rifugiato

I leader mondiali si sono riuniti di recente a Londra con l’Agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite per trovare soluzioni alla crescente crisi relativa ai rifugiati in Europa. Il loro obiettivo è quello di creare opportunità di lavoro e di istruzione a lungo termine per i milioni di persone attualmente presenti nei campi profughi.

In molte nazioni i mormoni stanno anche cercando modi per aiutare le vittime della crisi prendendo parte a progetti di servizio e facendo donazioni.

Il presidente Dieter F. Uchtdorf della Prima Presidenza della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni ha una profonda empatia per coloro che stanno affrontando questa crisi.

È simile all’esperienza che ha vissuto da bambino nella Germania devastata alla fine della Seconda guerra mondiale e nuovamente all’inizio della Guerra fredda, quando la Russia iniziò a bloccare il confine tra la Germania dell’Est e la Germania dell’Ovest, per poi chiuderlo definitivamente.

Nel suo impegno continuo di far fronte alla crisi dei rifugiati, la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni ha donato ulteriori cinque milioni di dollari per soccorrere le vittime della crisi dei rifugiati europei.

A novembre, la Chiesa ha offerto un contributo simile per aiutare le famiglie sfollate e ha chiesto ai mormoni di tutto il mondo di aiutare i rifugiati partecipando a progetti di soccorso locali e tramite donazioni.

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.