Argomento

Aborto

La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni crede nella santità della vita umana. Per questo motivo la Chiesa si oppone all’aborto per trarne vantaggio personale o collettivo e consiglia ai membri di non sottoporsi all’aborto, eseguirlo, incoraggiarlo, pagare o prendere accordi perché venga effettuato un aborto.

La Chiesa concede alcune eccezioni ai membri quando:

  • La gravidanza è la conseguenza di violenza carnale o incesto.
  • Un medico competente accerta che la vita o la salute della madre è in grave pericolo.
  • Un medico competente accerta che il feto è affetto da gravi malformazioni che non permetteranno al neonato di sopravvivere dopo la nascita.

La Chiesa insegna ai propri membri che anche queste rare eccezioni non giustificano automaticamente l’aborto. L’aborto è una questione di estrema gravità e deve essere preso in considerazione soltanto dopo che le persone responsabili si sono consultate con i dirigenti locali della Chiesa e hanno ricevuto la divina conferma tramite la preghiera.

La Chiesa non ha né favorito né si è opposta alle proposte di legge o alle dimostrazioni pubbliche riguardanti l’aborto.

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.