Articolo

27 giugno 1844: il martirio di Joseph Smith

Sette generazioni hanno avuto il tempo di alternarsi da quel fatidico 27 giugno 1844. Tuttavia, quella data resta nel cuore dei Santi degli Ultimi Giorni come quella del ricordo del giorno in cui Joseph Smith , il primo profeta della Restaurazione  della Chiesa primitiva fondata da Gesù Cristo, ha suggellato con il suo sangue innocente  la verità del suo ruolo di profeta, della realtà della Prima Visione  e della venuta alla luce del Libro di Mormon .

Le minacce alla sua incolumità fisica, persino alla sua stessa vita, furono le sue compagne costanti fin da quando iniziò a parlare della visione del Padre e del Figlio avvenuta nella primavera del 1820. Minacce e pericoli che accompagnarono anche tutti coloro che credettero alle sue parole. Con il tempo le persecuzioni divennero più accanite e diffuse.

Poiché i diritti civili e religiosi dei membri della Chiesa in quanto cittadini americani erano stati negati loro nonostante i ripetuti appelli al governo federale, i dirigenti della Chiesa annunciarono la candidatura di Joseph Smith a presidente degli Stati Uniti, nel gennaio 1844. A maggio, Joseph era stato ufficialmente nominato da un congresso tenuto a Nauvoo, Illinois. La sua piattaforma politica fece appello al governo di intervenire in favore dei diritti civili e religiosi contro la persecuzione. Questo acuì l’opposizione anti-mormone che sfociò, il 24 giugno 1844, nell’incarcerazione di Joseph e di altri dirigenti della Chiesa che furono portati a Carthage per subirvi un processo. Il governatore dell'Illinois, Thomas Ford, garantì comunque la protezione dell'incolumità a Smith e ai suoi compagni di prigione (il fratello Hyrum e gli apostoli Willard Richards e John Taylor, fra gli altri), promessa poi non mantenuta. Infatti, verso le cinque del pomeriggio del 27 giugno, la prigione fu assalita da una plebaglia inferocita di circa 150-200 uomini, con il volto annerito da polvere da sparo bagnata, e i fratelli Smith vennero uccisi, a sangue freddo, a colpi di arma da fuoco.  Joseph aveva 38 anni, Hyrum 44.

Lo shock di queste morti fu devastante per i Santi degli ultimi Giorni. Tuttavia, Joseph Smith aveva compiuto al sua opera. Ora la Chiesa era in grado di proseguire il cammino da lui tracciato. Il 17 giugno 1844 doveva essere, nella mente dei nemici della Chiesa, il giorno che avrebbe segnato la fine delle fede mormone. Fu un giorno tragico, ma anche un giorno che dimostrò a tutti che l’opera di Joseph Smith non era l’opera di un uomo, ma veniva da Dio e non poteva essere distrutta (Atti 5:38).

L’anziano John Taylor disse di Joseph Smith. “il lettore di ogni paese si rammenterà che il Libro di Mormon e questo libro di Dottrina e Alleanze  della Chiesa costarono il migliore sangue del diciannovesimo secolo, per portarli alla luce per la salvezza di un mondo in rovina. … Nonostante Joseph Smith sia vissuto soltanto trentotto anni e mezzo, i successi  da lui conseguiti al servizio dell’umanità sono incalcolabili”.

Josiah Quincy, un non mormone, eminente cittadino della  Nuova Inghilterra che, in seguito, divenne sindaco di Boston, riguardo a Joseph Smith che egli aveva conosciuto personalmente, disse anni dopo: “Non è per nulla improbabile che un futuro libro di testo ad uso delle generazioni non ancora nate contenga una domanda più o meno simile a questa: quale americano del diciannovesimo secolo ha esercitato la più possente influenza sul destino dei suoi compatrioti? E non è per nulla impossibile che la risposta a questo interrogativo si possa scrivere così: Joseph Smith, il profeta mormone”.

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.