Il presidente Thomas S. Monson muore all'età di 90 anni

Il presidente Thomas S. Monson muore all'età di 90 anni

Era il 16° presidente e profeta della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni che conta oltre 16 milioni di membri nel mondo.

Comunicato stampa

Thomas S. Monson, presidente della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, è venuto a mancare oggi, all’età di 90 anni. Il presidente Monson, che ha servito come presidente della Chiesa dal febbraio 2008, ci lascia un retaggio di servizio e di buone opere.

Il presidente della Chiesa è venuto a mancare a Salt Lake City, Utah (USA) alle 22:01 di martedì 2 gennaio (in Italia erano le 6:01 di mercoledì 3 gennaio) per cause imputabili all’età. Non è prevista alcuna nomina formale di un successore da parte del Quorum dei Dodici Apostoli della Chiesa prima del funerale del presidente Monson.

 

Per gli oltre 16 milioni di membri della Chiesa in tutto il mondo, il presidente Monson ha rappresentato un modello di seguace di Gesù Cristo. Pur avendo ricoperto importanti posizioni dirigenziali all’interno della Chiesa, nel corso della sua vita ha saputo aiutare in silenzio migliaia di persone nelle loro case, negli ospedali e nei centri di cura. “Non lasciate mai che un problema da risolvere diventi più importante di una persona da amare”, ci ha insegnato il presidente Monson.

Nel periodo della sua presidenza, il numero di membri della Chiesa è passato da 13 milioni a oltre 16 milioni in tutto il mondo, mentre dozzine di nuovi templi venivano annunciati e dedicati in tutto il mondo. Nell’ottobre del 2012, il presidente Monson aveva annunciato una modifica nei requisiti dell’età richiesta per i missionari, che ha portato decine di migliaia di missionari in più in servizio in tutto il mondo a favore di milioni di persone.

Il presidente Monson ha dedicato la sua vita a servire nella Chiesa. È divenuto il 16° Presidente della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni il 3 febbraio 2008, dopo la morte del presidente Gordon B. Hinckley. In precedenza, aveva ricoperto il ruolo di consigliere nella Prima Presidenza con tre presidenti della Chiesa per oltre 22 anni.

“Quando Thomas S. Monson arrivò alla Prima Presidenza, oppure quando divenne il profeta, non mi sembrò lasciarsi andare, né cambiò il suo stile o il suo modello di umiltà nell’aiutare la singola persona”, afferma l’anziano Jeffrey R. Holland del Quorum dei Dodici Apostoli. “È ancora pienamente il suo stile e il suo modello: lo è stato per tutta la sua vita”.

Thomas S. Monson era stato sostenuto nel Quorum dei Dodici Apostoli il 4 ottobre 1963 e fu ordinato apostolo il 10 ottobre 1963, all’età di 36 anni. Inoltre, ha servito quale presidente della Missione Canadese della Chiesa con sede a Toronto, nell’Ontario, dal 1959 al 1962. Prima di allora, ha servito nella presidenza del Palo di Temple View, a Salt Lake City, nello Utah, e come vescovo del Sesto-Settimo rione di quel palo.

Thomas S. Monson era nato il 21 agosto 1927 a Salt Lake City, nello Utah, USA, da G. Spencer e Gladys Condie Monson. Ha frequentato le scuole pubbliche di Salt Lake City e, nel 1948, si è laureato a pieni voti in Gestione delle imprese presso la University of Utah, dove ha poi proseguito gli studi frequentando la facoltà del College of Business, della quale ha fatto anche parte. In seguito ha ottenuto una laurea di secondo livello in Amministrazione aziendale presso la Brigham Young University. Nell’aprile del 1981 la Brigham Young University ha conferito al presidente Monson la laurea honoris causa in Giurisprudenza. Nel giugno del 1996 ha ricevuto un Dottorato onorario in Lettere dal Salt Lake Community College e nel maggio del 2007 ha ricevuto in Dottorato onorario in Economia dall’Università dello Utah.

Il presidente Monson ha servito nella marina americana verso la fine della Seconda guerra mondiale. Il 7 ottobre 1948 ha sposato Frances Beverly Johnson nel Tempio di Salt Lake. Hanno tre figli, otto nipoti e 11 pronipoti. Frances Monson è deceduta il 20 maggio 2013. Della sua perdita, il presidente Monson disse successivamente “Era l’amore della mia vita, la mia confidente leale e la mia amica più intima. Dire che mi manca non è sufficiente per trasmettere la profondità dei miei sentimenti”.

Professionalmente, il presidente Monson si è distinto nel settore della stampa e dell’editoria. Ha iniziato a lavorare per il Deseret News nel 1948, dove ha occupato la posizione di direttore nella divisione pubblicità dello stesso giornale e della Newspaper Agency Corporation. In seguito è stato nominato direttore alle vendite della Deseret News Press, uno degli editori commerciali più grandi dell’ovest, per poi passare a direttore generale, posizione che ha mantenuto fino al momento della sua chiamata nel Quorum dei Dodici, nel 1963. È stato per molti anni il presidente del consiglio di amministrazione della Deseret News Publishing Co. Il presidente Monson è ex presidente della Printing Industry of Utah e membro del consiglio di amministrazione della Printing Industry of America.

Dal 1969 il presidente è stato anche membro del Consiglio Esecutivo Nazionale dei Boy Scout d’America.

Il presidente Monson è stato membro della Utah Association of Sales Executives, del Salt Lake Advertising Club e del Salt Lake Exchange Club.

Per molti anni, il presidente Monson è stato membro del Consiglio dei reggenti dello Stato dello Utah, l’organo che dirige l’istruzione superiore nello Stato. Ha anche servito come dirigente dell’Associazione degli ex allievi della University of Utah.

Nel dicembre del 1981 il presidente Ronald Reagan lo ha chiamato a servire nella propria Task Force per le iniziative nel settore privato. Ha svolto questa funzione fino al dicembre del 1982, quando il lavoro della task force è stato completato.

Nel 1966 il presidente Monson ha ricevuto il Distinguished Alumnus Award (Riconoscimento di studente illustre) da parte della University of Utah. Ha anche ricevuto il Castoro d’argento dei Boy Scout d’America (1971), il prestigioso Bisonte d’argento (1978) e il più importante riconoscimento internazionale dei Boy Scout, il Lupo di bronzo (1993). Nel 1997 ha ricevuto il Minuteman Award da parte della Guardia Nazionale dello Utah, oltre al riconoscimento di Uomo esemplare da parte della Brigham Young University. Nel 1998, insieme alla moglie, ha ricevuto il riconoscimento Continuum of Caring Humanitarian dall’organizzazione The Sisters of Charity of St. Joseph Villa.

CLICCA QUI PER I DETTAGLI DEL FUNERALE.

Nota:Quando scrivete un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online il Manuale di stile.