Comunicato stampa

La Chiesa annuncia il programma BYU – Pathway Worldwide

Il programma di istruzione universitaria online è disponibile in 35 paesi europei.

La Prima Presidenza della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni ha annunciato l’istituzione di un’organizzazione globale di istruzione universitaria, la BYU – Pathway Worldwide (BYU–PW). L’organizzazione sarà responsabile di tutti gli attestati e i programmi di laurea on-line offerti dal Sistema Educativo della Chiesa (CES).

Clark G. Gilbert, l’attuale presidente della BYU–Idaho, supervisionerà la nuova organizzazione. Il programma BYU–Pathway Worldwide avrà sede a Salt Lake City, nello Utah, e sarà operativo dall’1 maggio 2017. Il presidente Dieter F. Uchtdorf, secondo consigliere della Prima Presidenza, lo ha annunciato martedì, durante una conferenza stampa tenuta nella Piazza del Tempio.  

Il programma BYU–Pathway Worldwide nasce dal Pathway della BYU–Idaho, il quale è iniziato nel 2009 con 50 studenti in totale in tre sedi pilota situate nell’Idaho, in Arizona e a New York. Da allora il programma si è esteso in quasi 500 località di 50 paesi e 57.000 studenti ne hanno usufruito.

 

Che cos’è il BYU – Pathway?

Il Pathway è un programma didattico della Chiesa della durata di un anno disponibile grazie alla BYU–Idaho on-line a tutti i membri della Chiesa in più di 35 paesi europei. Il Pathway è incentrato sullo sviluppo didattico e professionale, ma il successo viene misurato in base ai seguenti 3 obiettivi spirituali:

Portare il Vangelo nel cuore degli studenti
Aiutare gli studenti a diventare allievi capaci
Preparare gli studenti a guidare e a sostenere una famiglia

L’apprendimento on-line è rafforzato dalla riunione degli studenti locali con i missionari del Pathway in un incontro settimanale o una sessione di videoconferenza per discutere del materiale del corso in un contesto sociale.  Quella della videoconferenza è un’opzione che riguarda chi vive troppo lontano da una sede del Pathway per partecipare di persona.

Il programma è disponibile nei seguenti paesi europei: Albania, Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Kosovo, Lettonia, Lituania, Moldavia, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Slovenia, Spagna, Svezia, Turchia, Ucraina e Ungheria.

Gli studenti apprendono strategie di vita pratiche e capacità dirigenziali fondamentali, studiano matematica e ottengono competenze comunicative professionali in inglese.  Il Pathway è riconosciuto e amministrato dagli Stati Uniti, presso la BYU–Idaho. Visita pathway.lds.org per ulteriori informazioni.

Ecco cosa dicono gli studenti di BYU-Pathway

In tutta l’Europa, gli studenti e i missionari del Pathway parlano del proprio amore per il programma. Queste poche esperienze di studenti e missionari ricordano i sentimenti che rispecchiano quelli dei membri della comunità del Pathway di vari paesi europei.

“I dubbi e timori sono stati sostituiti dalla sicurezza e dalla fede”. ~ Deborah, studentessa del Pathway a Londra

Diventa autosufficiente

Jaime aveva dubbi sull’iscriversi al Pathway, ma, poco dopo l’inizio del programma, si è resa conto dei molti modi in cui esso stava cambiando la sua vita. Si è ritrovata a servire gli amici e la famiglia e a comunicare con gli altri con maggiore sicurezza. (Jaime)

Imparare come diventare autosufficiente come studentessa ha aiutato Liz a diventare più sicura e indipendente in altri aspetti della propria vita. (Liz, Germania)

Migliora le competenze per la vita

Cecilia pensa che ogni membro della Chiesa trarrebbe benefici dal Pathway. Durante il corso di Competenze per la vita, Cecilia ha imparato come stabilire e raggiungere gli obiettivi e come rafforzare il proprio matrimonio. (Cecilia Wie, Norvegia)

Gli studenti dell’anziano e della sorella Wilbur hanno detto che il Pathway li aiuta nella vita di tutti i giorni grazie all’applicazione delle competenze che apprendono, come la gestione del tempo e la pianificazione delle spese.

Amplia le opportunità di impiego

Anche se Arseniy ha dovuto fare grandi sacrifici nella vita, ne è valsa la pena farli per il Pathway perché ora egli possiede capacità organizzative che può usare al lavoro. (Arseniy Naumov)

La benedizione più grande portata dal Pathway nella vita di Sam riguarda le molte opportunità che gli si sono presentate al lavoro perché sta conseguendo un’istruzione superiore. (Sam)

Impara l’inglese

All’inizio Igor era spaventato all’idea di iscriversi a un programma in lingua inglese, ma ha imparato molto e ha migliorato la propria vita imparando la lingua con l’aiuto dello Spirito. (Igor Sumenkow)

A Khennya è piaciuto imparare l’inglese condividendo la propria testimonianza, studiando i discorsi della Chiesa e partecipando alle discussioni tenute nelle riunioni settimanali del Pathway parlando solo in inglese. Ora si sente meglio preparata ad accettare le chiamate nella Chiesa e a insegnare agli altri. (Khennya Castel, Gran Bretagna)

Impara a sostenere la tua famiglia

Grazie al Pathway, il rapporto di Julie con il Padre Celeste e con il Salvatore è diventato più forte. Sono migliorati anche i rapporti con la famiglia e con gli amici. Julie ha imparato a insegnare ai propri figli la conoscenza che ha ottenuto durante il Pathway. Ora si sente pronta a sostenere la propria famiglia grazie alla sua istruzione. (Julie Kittelsen, Norvegia)

Carmen e Raznav Winder si sono incontrati durante il Pathway, in poco tempo si sono innamorati e poi si sono sposati. Hanno rafforzato il proprio rapporto — e quello con i loro figli — mettendo in pratica nella vita quotidiana le lezioni che imparavano al Pathway. (Carmen e Razvan Winder, Romania)

Ricevi supporto alle riunioni del Pathway

L’anziano e la sorella Hyde hanno visto come il Pathway ha aiutato Jenny a migliorare la propria vita. All’inizio del programma Jenny aveva serie difficoltà a imparare la matematica, ma, grazie all’aiuto diligente dei suoi compagni e alle lezioni private di un altro studente, ha ricevuto un punteggio perfetto a un esame di matematica. Secondo l’anziano e la sorella Hyde, Jenny ha dimostrato che gli studenti possono fare cose difficili con l’umiltà, la preghiera, il duro lavoro e accettando l’aiuto degli altri. (Anziano e sorella Hyde, Italia)

Kevin e Natalya si sentono benedetti di far parte del gruppo delle riunioni del Pathway perché ricevono l’aiuto e il supporto necessari dagli amici, imparano l’uno dall’altra e si istruiscono a vicenda. L’amicizia che hanno sviluppato al Pathway li motiva a fare meglio. (Natalya e Kevin Gray, Russia)

Rafforza la tua testimonianza

Il Pathway ha portato a Martin il sogno di un’istruzione patrocinata dalla Chiesa. Anche se è molto impegnato, ha inserito il Pathway nella propria vita. Grazie a ciò, ha approfondito il proprio rapporto di discepolo con Gesù Cristo. (Martin, Polonia)

L’anziano Sa Barros, missionario del Pathway, sa che gli studenti maturano spiritualmente e che sono di beneficio ai rispettivi rami, rioni e pali. Crede che gli argomenti insegnati nel programma siano utili a tutti i membri a ogni stadio della vita e del percorso spirituale, ma che lo siano specialmente ai membri meno attivi che potrebbero essere profondamente toccati dal programma Pathway. (Anziano Sa Barros, Portogallo)

Cresci spiritualmente

Olga ha conseguito una laurea specialistica all’università della Lettonia, ma si è sentita spinta a iscriversi al Pathway perché le dava l’opportunità di conseguire un’istruzione presso un’università patrocinata dalla Chiesa. Grazie alla sua esperienza nel Pathway, adesso Olga sente di aver accresciuto la propria preparazione spirituale per la vita. (Olga Frovola, Lettonia)

La crescita dei propri studenti nell’ambito del Pathway e il vederli manifestare le qualità pionieristiche della fede, del coraggio e del sacrificio mentre progredivano nel programma ha commosso l’anziano e la sorella Smith. Hanno visto la mano del Padre Celeste aiutare i loro studenti ad avere successo.

Nota della guida:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.